IN VAL PENNAVAIRE SULLE ORME DI “FISCHIA IL VENTO”
26-27-28 MAGGIO (due giorni e due notti)

La Valle Pennavaire, propaggine delle Alpi Liguri e via naturale di collegamento con il cuneese, costituisce un interessante ambiente naturale della Liguria di Ponente.
La sua conformazione assai diversificata è stupefacente perché nello spazio di pochi chilometri si passa dall’ambiente mediterraneo del fondovalle, come il lecceto, a quello tipicamente alpino della parte alta, caratterizzata da molti rivi, fitti boschi di tipo più continentale, come la faggeta, ed estesi affioramenti rocciosi con pareti dolomitiche a strapiombo.
Una caratteristica che ha fatto meritare a questo territorio di essere ricompreso nella Rete Natura 2000, come Sito di Interesse Comunitario, per la ricchissima biodiversità e per la presenza di rari endemismi floristici, come le orchidee spontanee, il rarissimo giglio a fiocco e la genziana ligure.
Tuttavia, l’importanza della valle non si limita alla bellezza della natura, ma comprende anche il patrimonio culturale e storico dei suoi numerosi insediamenti.
Le testimonianze archeologiche più antiche provengono dalle numerose grotte carsiche, ma sono molti anche i reperti romani. Mentre i castelli eretti dai marchesi di Clavesana e del Carretto – famiglie che dominarono la vita politica ed economica della valle per mezzo millennio, sino all’acquisto del territorio da parte della Repubblica di Genova nella prima metà del XVII secolo – rappresentano le principali testimonianze architettoniche e artistiche medioevali.
In tempi più recenti la Valle Pennavaire è stata teatro di episodi cruciali della Resistenza. Ed ha visto l’estremo sacrificio di Felice Cascione, una delle figure più nobili della lotta partigiana, eroe vero che ci ha lasciato in eredità uno straordinario esempio di vita e le parole della canzone “Fischia il vento”.

MONESI YOUNG PROPONE DUE GIORNI E DUE NOTTI IN UNA NATURA TORMENTATA E SELVAGGIA, FRA PONENTE LIGURE E BASSO PIEMONTE, NEL PIENO DELLA STAGIONE DELLE FIORITURE, PER RIPERCORRERE ANTICHI SENTIERI DI CRINALE TRACCIATI DAI VALLIGIANI NELLA NOTTE DEI TEMPI E UTILIZZATI DA GIOVANI RIBELLI MENTRE SOFFIAVA UN FORTE VENTO DI LIBERTÀ.

PROGRAMMA E DETTAGLI ESCURSIONI

VENERDÌ 26 MAGGIO
ritrovo in rifugio a partire dalle ore 18:00 – cena e sistemazione per la notte in camerata o tenda, secondo la soluzione preferita

SABATO 27 MAGGIO
ore 7:30 – colazione in rifugio
ore 8:00 – inizio escursione con percorso ad anello: Rifugio, Madonna del Lago, Monumento a Felice Cascione, Colle S. Bartolomeo, Alta Via dei Monti Liguri, Collabassa, Rifugio

dislivello: 650 m. sal./dis.
lunghezza percorso km 16
tempo di percorrenza: 7 ore di cammino effettivo
difficoltà: E (escursionistica, bollino blu + MY)

DOMENICA 28 MAGGIO
ore 7:30 – colazione in rifugio
ore 8:00 – trasferimento ad Armo (auto propria) e visita all’ex Oratorio di S. Lorenzo, ora Museo della Resistenza
ore 8:15 – trasferimento ad Aquila d’Arroscia (auto propria), località S. Giacomo
ore 8:45 – inizio escursione: Castello di Aquila, Passo S. Giacomo, Santuario di S. Calocero, Vetta di Castellermo e ritorno

dislivello: 350 m. sal./dis.
lunghezza percorso: km 12
tempo di percorrenza: 5 ore di cammino effettivo
difficoltà E (escursionistica)
STRUTTURA

Rifugio Pian dell’Arma – Strada Provinciale 216, Caprauna (CN) – www.rifugiopiandellarma.it

ABBIGLIAMENTO ED ATTREZZATURA

Per le attività occorre dotarsi di: scarponcini da montagna e giacchetta impermeabile, pile o maglione, pantaloni lunghi, borraccia, racchetta/e da trekking, cappellino, binocolo, macchina fotografica, oltre che ogni eventuale accessorio, attrezzatura o capo d’abbigliamento necessari al soggiorno (vestiti e intimo di ricambio, asciugamano, busta igiene personale etc.).
Per le notti in rifugio sacco a pelo e/o sacco lenzuolo.
Per le notti in tenda sacco a pelo, materassino e pila frontale o torcia.
Si prega di segnalare eventuali intolleranze e orientamenti alimentari vegetariani o vegani in modo da avvertire la struttura ricettiva.

COSTI DI PARTECIPAZIONE

Da pagare direttamente alla struttura:
– DUE MEZZE PENSIONI BEVANDE INCLUSE (1/4 DI VINO A TESTA) CON PERNOTTO IN RIFUGIO € 80, CON PERNOTTO IN TENDA € 55
– PRANZI AL SACCO SE FORNITI DAL RIFUGIO (DUE PANINI, UN FRUTTO E UN SUCCO DI FRUTTA) DA € 6 A € 9 CADAUNO, SECONDO I PANINI SCELTI

Da versare alla guida:
– CONTRIBUTO SPESE ORGANIZZATIVE MY € 25

OFFERTA RISERVATA AI SOCI MONESI YOUNG – costo tesseramento annuale € 20

PER PRENOTARE

Le adesioni devono essere confermate entro il 15 maggio mediante versamento di una caparra di € 25 a persona sul c/c del rifugio, intestato:
COOPERATIVA SOCIALE HESPEROS – BANCA PROSSIMA�IBAN: IT61 I 03359 016001 0000000 4300
indicando la causale: GRUPPO MY TREKKING DEL 26-27-28 MAGGIO 2017

INFO GUIDA:
Marina Pissarello – GAE
+39 347 1107301
marina.pissarello@gmail.com
www.marinapissarello.info

INFO RIFUGIO:
Marina Caramellino
+39 337 1083410
marina.caramellino@rifugiopiandellarma.it
www.rifugiopiandellarma.it

PULISCI & CAMMINA: durante le escursioni ci impegniamo a pulire il percorso, ogni cambiamento comincia da un piccolo gesto di responsabilità.

Cari soci,

l’emergenza sanitaria che sta interessando il nostro paese, e non solo, ci impone scelte non semplici e non sempre condivisibili. La portata e le caratteristiche di questo nuovo agente patogeno, COVID-19, mette a dura prova la nostra percezione di libertà e responsabilità verso il prossimo. Per quanto questa influenza abbia un basso tasso di letalità, la capacità di trasmissione del virus tra persone è molto più alta di tante altre specie simili, con il risultato che nonostante l’adozione di misure più o meno restrittive nelle prossime settimane continuerà a crescere in maniera esponenziale il numero dei contagiati. Per 9 persone su 10 sarà come un'influenza. Ma per 1 su 10 sarà potenzialmente grave o molto grave. Parliamo principalmente delle fasce più deboli della nostra società, gli anziani e le persone già colpite da patologie più o meno gravi. Ragionando su grandi numeri la proporzione di persone che possono aver bisogno di essere ricoverate sarebbe superiore ai posti letto a disposizione nelle strutture dedicate. L'importante quindi non è non ammalarsi: l'importante è non ammalarsi tutti nello stesso momento, evitando il sovraccarico del nostro Sistema Sanitario Nazionale (che è uno dei migliori al mondo) e guadagnando tempo prezioso per la sintesi di un vaccino. È in quest’ottica che si misura il nostro senso civico e il grado di civiltà del nostro paese: valutando quanto siamo in grado di prenderci cura dei più deboli.

L’Associazione MY ASD ha come mission principale quella di tutelare e valorizzare il territorio ma implicitamente anche chi vive, opera e lavora nello stesso. A seguito di diversi momenti di confronto con il Consiglio Direttivo della ASD MY ma anche con i referenti provinciali e regionali UISP, a cui l’associazione è affiliata, in adempimento alle finalità statuarie e in forza al DPCM dell’8 marzo 2020, l’associazione sospende tutte le attività in calendario fino a nuove disposizioni. Pur non entrando nel merito delle specifiche disposizioni messe in atto dal Governo, dalle Regioni e dai singoli territori ci sentiamo in dovere di raccomandare a tutti i soci di limitare gli spostamenti e ottemperare alle raccomandazioni espresse dal Ministero della Salute. L’associazione MY ASD perseguendo le sue finalità continuerà a promuovere il territorio attraverso i suoi canali di comunicazione social.

#iononesco