Camminare nel silenzio sarà occasione per creare una connessione con la natura, ascoltare i propri passi, liberare i sensi, soffocati dal rumore di fondo delle nostre città, captare e apprezzare  ogni sibilo, cinguettio, sussurro del vento. E liberati dal rumore potremo concentrare la vista a godere del “foliage” del bosco, il suo cambio d’abito autunnale. 

Cammineremo mossi dai piedi ma anche dallo spirito. In perfetto  e assoluto silenzio.

Sarà il miglior modo per dare voce alle parti di noi che abbiamo dimenticato, le cose che normalmente ci sfuggono.

Faremo una escursione ad anello all’interno della Foresta di Gerbonte, una delle foreste demaniali più importanti della Regione, che espone una grande faggeta e un lariceceto secolare, in un area protetta. Partenza da Il Pin dove parcheggeremo le auto. Qui un briefing per dare le ultime informazioni, dopo di che si procede in silenzio fino al termine della escursione. Faremo alcune tappe per godere del silenzio e della vista dei colori.

Caratteristiche del percorso: è una escursione di media difficoltà, lunghezza circa 10 km con dislivello positivo circa 600 mt, difficoltà E

Abbigliamento e attrezzatura:. Dotarsi di abbigliamento adeguato alla montagna, scarponcini e giacca/mantella antipioggia, acqua in abbondanza

Punto di ritrovo e orari:

domenica 27 Ottobre

ore 09.00, partenza in auto dal Rifugio Realdo nel centro del borgo omonimo dell’Alta Valle Argentina

ore 09.30, parcheggio nella borgata Il Pin e partenza per l’escursione, durata prevista 5 ore, comprese le soste e il pranzo al sacco a cura dei partecipanti;

merenda nel pomeriggio al Rifugio Realdo

contributo per l’organizzazione dell’escursione: 10 euro

escursione riservata ai Soci Monesi Young ASD 

info: Giampiero De Zanet  339 1183 146 guida ambientale escursionistica

prenotazioni e conferma necessaria entro venerdì 25; l’escursione è confermata con un numero minimo di 5 partecipanti

Cari soci,

l’emergenza sanitaria che sta interessando il nostro paese, e non solo, ci impone scelte non semplici e non sempre condivisibili. La portata e le caratteristiche di questo nuovo agente patogeno, COVID-19, mette a dura prova la nostra percezione di libertà e responsabilità verso il prossimo. Per quanto questa influenza abbia un basso tasso di letalità, la capacità di trasmissione del virus tra persone è molto più alta di tante altre specie simili, con il risultato che nonostante l’adozione di misure più o meno restrittive nelle prossime settimane continuerà a crescere in maniera esponenziale il numero dei contagiati. Per 9 persone su 10 sarà come un'influenza. Ma per 1 su 10 sarà potenzialmente grave o molto grave. Parliamo principalmente delle fasce più deboli della nostra società, gli anziani e le persone già colpite da patologie più o meno gravi. Ragionando su grandi numeri la proporzione di persone che possono aver bisogno di essere ricoverate sarebbe superiore ai posti letto a disposizione nelle strutture dedicate. L'importante quindi non è non ammalarsi: l'importante è non ammalarsi tutti nello stesso momento, evitando il sovraccarico del nostro Sistema Sanitario Nazionale (che è uno dei migliori al mondo) e guadagnando tempo prezioso per la sintesi di un vaccino. È in quest’ottica che si misura il nostro senso civico e il grado di civiltà del nostro paese: valutando quanto siamo in grado di prenderci cura dei più deboli.

L’Associazione MY ASD ha come mission principale quella di tutelare e valorizzare il territorio ma implicitamente anche chi vive, opera e lavora nello stesso. A seguito di diversi momenti di confronto con il Consiglio Direttivo della ASD MY ma anche con i referenti provinciali e regionali UISP, a cui l’associazione è affiliata, in adempimento alle finalità statuarie e in forza al DPCM dell’8 marzo 2020, l’associazione sospende tutte le attività in calendario fino a nuove disposizioni. Pur non entrando nel merito delle specifiche disposizioni messe in atto dal Governo, dalle Regioni e dai singoli territori ci sentiamo in dovere di raccomandare a tutti i soci di limitare gli spostamenti e ottemperare alle raccomandazioni espresse dal Ministero della Salute. L’associazione MY ASD perseguendo le sue finalità continuerà a promuovere il territorio attraverso i suoi canali di comunicazione social.

#iononesco