Una nottata nel Parco delle Alpi Liguri, con sconfinamento in Francia, in mezzo alla neve, ad attendere l’alba. Si cammina per circa 4 ore fino al punto di osservazione, la Cima Marta tra Italia e Francia.
All’alba bivacco e rientro a Realdo
Non è una escursione per tutti, solo per chi vuole e può apprezzare il silenzio e i suoni della notte, il fruscio ovattato degli scarponi e ciaspole sulla neve, l’emozione dell’alba in alta quota, l’indeterminazione delle condizioni meteo; non adatto a ragazzi sotto i 12 anni o sopra i 70
L’escursione è condotta dalla Guida Ambientale Escursionistica Giampiero De Zanet con la collaborazione di Matteo Serafini, Naturalista e Guida Ambientale Escursionistica: prenotazioni al 339 1183 146 (Giampiero) entro il 1.mo febbraio. L’escursione si realizzerà con un numero minimo di 8 partecipanti.
Abbigliamento: dotarsi abbigliamento adatto a sopportare la temperatura notturna ed eventualmente la pioggia/neve. Il Rifugio dispone di un certo numero di ciaspole, disponibili a richiesta fino ad
esaurimento
Contributo spese organizzative: 40 €, di cui 10 € per l’escursione e col resto possiamo organizzare insieme cena, bivacco, accoglienza, pranzo, insomma tutto quanto indicato nel programma che segue.
Riservato ai soci MY e APS Realdo Vive

Il programma:
1.mo stage:
ritrovo a Realdo presso il Rifugio nel pomeriggio di sabato 3; insieme prepariamo i rifornimenti per la escursione nottura e il bivacco mattutino: frittelle di mele, castagnole, torte di mele e di ricotta;
alle 20.00 si cena: pasto calorico ma leggero per sopportare bene la nottata;
dopocena concordiamo il programa della nottata: inizia il periodo in silenzio fino al ritorno al Rifugio il giorno successivo;
chi non regge l’intera nottata sveglio potrà fare una pennichella prima della partenza , per gli altri si chiacchiera, si beve, si gioca a carte …

2.do stage:
verso le ore 1.00 ci si prepara, abbigliamento e zaini, distribuzione del cibo e materiali per il bivacco; a seconda dello stato della neve si partirà direttamente da Realdo o ci si trasferirà più in alto nel punto di inizio innevazione; quindi si parte verso la cima, attraversando i sentieri che solcano la strada carrabile e toccano le località di Sant’Antonio, Borniga, Al Pin, Abenin, fino alla Bassa di Sanson da cui dopo un breve tratto sulla strada ex militare si prende a destra un sentiero che si inerpica fino a Cima Marta; prima di arrivare alla cima faremo sosta in una zona riparata dove attiveremo un bivacco, in attesa delle prime luci dell’alba: thè, caffè, cioccolata calda, vin brulè, per scaldarsi con le bevande e al tepore del fuoco, poi le frittelle di mele e le torte …
poco prima dell’alba ultimo sforzo per raggiungere la cima da cui si gode un panorama impareggiabile a 360° tra Italia e Francia: se saremo stati fortunati, con meteo a ns favore l’emozione sarà valsa la fatica;
ora è tempo di scendere e ritornare al Rifugio a Realdo

3.zo stage
arrivati al Rifugio ci si potrà rilassare, fare doccia calda, cambiare abito e nel caso riposare un pò in attesa del pranzo previsto per le 13.
l’evento si chiude nel pomeriggio

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento e per raccogliere statistiche sul suo utilizzo. Clicca su Accetta per consentire l'uso dei cookie da parte del sito. Leggi l'informativa completa.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi