you_doodle_2016-11-07t15_33_54z

 

Il Pizzo d’Evigno è un Sito di Interesse Comunitario in quanto habitat seminaturale, cioè modificato dalle attività antropiche di tipo agro-pastorale e legate alla transumanza delle greggi che vi si sono svolte da tempo immemore. Lo testimonia la presenza delle casélle, costruzioni nuragiche tipiche della Liguria e del basso Piemonte che raggiungono la massima concentrazione nelle aree montane, collinari e costiere a cavallo fra la provincia di Imperia e quella di Savona, mentre si rarefanno tra Savona e Genova e sono del tutto assenti nello spezzino.
Il cuore di quest’area di massima diffusione è rappresentato proprio dal Pizzo d’Evigno e dalla Valle Steria, dove se ne contano centinaia, molte delle quali ancora in buono stato di conservazione. Un patrimonio storico-paesistico ingente e poco conosciuto che merita di essere valorizzato.
Dunque una zona tutt’altro che selvaggio e tuttavia importante da preservare anche da un punto di vista naturalistico perché ospita molte specie significative che trovano il loro habitat d’elezione nei pascoli e nelle praterie da sfalcio, sempre più rare nella nostra regione a causa dell’abbandono delle attività antropiche tradizionali e della riforestazione spontanea. Le praterie secondarie del Pizzo d’Evigno, in particolare, sono fra le pochissime rimaste a così ridotta distanza dal mare e ospitano specie animali protette da norme comunitarie, in particolare rettili, come il Colubro lacertino, e uccelli rapaci che ne sono spesso i predatori.
I prati del Pizzo d’Evigno sono però tutelati, principalmente, per il tesoro botanico rappresentato dalle loro orchidee spontanee: un patrimonio di almeno 20 differenti specie, delle 50 complessivamente presenti sull’intero territorio ligure.
Altro, inestimabile, pregio di questo rilievo è il panorama che si può godere dalla sua vetta, a 360° sul Mare e sulle Alpi Liguri, particolarmente apprezzabile nelle fredde e terse giornate invernali.

SVILUPPO del PERCORSO
Passo del Ginestro (690 m.) – Passo di S. Giacomo (756 m.) – Pizzo d’Evigno (988 m.) – Colla di S. Pietro – Passo del Ginestro

DESTINATARI: E’ un cammino mediamente impegnativo (bollino blu MY) il cui tracciato presenta tratti piuttosto ripidi, sia in salita che in discesa, per i quali possono essere utili i bastoncini da trekking.

IMPORTANTE
Sono indispensabili: scarponi o scarponcini e calze da trekking, giacca antivento/antipioggia, zainetto confortevole, abbigliamento comodo e multistrato per garantirsi condizioni di comfort anche in presenza di cambiamenti improvvisi delle condizioni meteo, acqua bere (non avremo possibilità di rifornirci in cammino).

DATI TECNICI:
Dislivello 400 metri, durata circa 6 ore Difficoltà: bollino blu MY
DATI LOGISTICI: Spostamento con mezzi propri – pranzo al sacco a cura dei partecipanti
Ore 7.45 – Imperia Oneglia/parcheggio Agnesi per compattamento macchine
Ore 8,30 – Orario indicativo di inizio escursione dal Passo del Ginestro
CONTRIBUTO SPESE ORGANIZZATIVE: €10,00 a persona-€ 5,00 Under16 Escursione riservata ai soli Soci Monesi Young
INFO E PRENOTAZIONI :
GAE Marina Pissarello – cellulare e WhatsApp 347.1107301

La guida si riserva di modificare il programma, anche in corso di svolgimento, per motivi di opportunità o forza maggiore.
Pulisci&Cammina: Durante le escursioni ci impegniamo a pulire il percorso: ogni cambiamento comincia da un piccolo gesto di responsabilità.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per il suo funzionamento, per le opzioni di condivisione sui social. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Maggiori Informazioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento ne acconsenti l\'uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi